Sanremo? Meglio il Brasile

metal metal

il festival di Sanremo io l’ho quasi sempre visto, non tutto, ma qualche pezzetto, un po’ come faccio con Xfactor. La mia è semplice deformazione professionale, occupandomi di musica e suono ma non facendo parte della scena mainstream, voglio comunque sapere chi sono i cantanti del momento. Poi mi interessa anche l’aspetto tecnologico, capire quanti soldi hanno buttato per le luci, le scenografie, etc.

Sanremo 2013 perde 10 a 1 contro Xfactor 2012. L’orchestra appesa sulle scale, impossibile da inquadrare e impossibili da effettuare i classici primi piani ai solisti e ai loro strumenti, caratteristici di questo tipo di trasmissioni. Le luci sembrano quelle degli spettacoli di piazza dove il tecnico non è un tecnico, ma il proprietario che vuole fare vendere quanti soldi ha investito in imitazioni di testate mobili famose.

Ieri sera ho scoperto Toto Cutugno, un giovane patriota che parla di spaghetti, mandolino, Pertini, armata rossa e balalaika…devo dire che il mio pezzetto di festival è finito durante l’esibizione di quel giovane, non ho resistito; mi incazzo parecchio a sentire questa propaganda della nuova sinistra patriottica, legalitaria, moralista (come sempre)…

Quindi per disintossicarsi, andiamo ad ascoltare un gruppo brasiliano non famoso ma tostissimo. Hanno registrato due album molto diversi e oltretutto in free download. Loro sono i Metá Metá ed il secondo album, uscito qualche mese fa, si intitola Metal Metal.

Ascoltatevi per esempio questo brano “Rainha das Cabeças” (regina delle teste): Rainha das Cabeças, Metá Metá

si sente l’africa (definiscono la loro musica “afro-noise), il free, il noise, il metal, il tropicalismo e la bossa…ad un certo punto pare di sentire “Água de Beber”.

La nuova scena brasiliana è molto interessante, ci sono gruppi che qui in Italia definiremmo ‘indie’, ma diversamente al nostro concetto di “indipendente”, loro hanno stretti legami con il passato della musica brasiliana; pare che alcuni testi cantati dei Metá Metá, siano nei vari dialetti parlati nel paese carioca e inoltre non disdegnano contaminazioni con il noise o il metal o il jazz radicale.

Io sono andato in fissa per questo gruppo, gli album li trovate qui:

Metal Metal (2012)

Metá Metá (2011) 

altri link:

il loro soundcloud

la loro pagina ufficiale di facebook

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.