Cesare Basile: #nosiae veramente

Una notizia molto bella ed una decisione coerente da parte di Cesare Basile:

CapturFiles

 

evidentemente Lui è una persona seria e mi dispiace di aver dubitato, quando nel 2013 rifiutò il Tenco .
Questo precedente coinvolgerà altri artisti a fare la stessa cosa? Io Basile non lo conosco, però mi sembra veramente un personaggio unico, una persona seria che se dice una cosa la mette pure in pratica.

A questo punto, degli altri non me ne frega niente…

Posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte | Tagged , , , , | Comments Off on Cesare Basile: #nosiae veramente

occupato museo di arte contemporanea in Portogallo

lotta

COMUNICATO

dopo l’inaugurazione dell’esposizione di Rui Mourão presso il museo del Chiado (Lisbona), è iniziata una occupazione in difesa della cultura.


– Museo del Chiado occupato durante l’inaugurazione dell’esposizione “i nostri sogni non terminano nelle vostre urne”

L’artista Rui Mourão ha proposto una “perfomance ar(t)tivista” facendo emergere una protesta politica, entrando nel museo facendovi arte. Il museo di arte contemporanea di Lisbona, è adesso occupato da artisti, attivisti e pubblico in genere che manifesta in difesa dei Musei, dell’Arte e della Cultura. Gli occupanti pretendono una riunione con il Ministro della Cultura in una nazione senza Ministro della Cultura dal 2011- 

da Guilhotina.info

segui l’occupazione qui

Posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte | Tagged , , , , , | Comments Off on occupato museo di arte contemporanea in Portogallo

#nosiae solo a parole?

vv

 

Cesare Basile, rifiuta di ritirare il premio Tenco dopo alcune polemiche tra gli organizzatori del premio e il Teatro Valle Occupato (leggi qui). Cesare Basile fa benissimo, è una scelta coraggiosa!

Cesare Basile però, come tanti altri musicisti di movimento, è iscritto SIAE; basta fare una ricerca qui http://operemusicali.siae.it/OpereMusicali/aventeDiritto.do dei vostri musicisti di movimento preferiti e li troverete (quasi) tutti, anche quelli più anarchici.

Non voglio fare il duro e puro, non lo sono. Credo inoltre che chi si occupa di arte ha bisogno anche di poterci vivere, ma sulla SIAE, proprio non capisco. Se una cosa bisogna cambiarla bisogna esserne convinti fino in fondo.

Qualche anno fa, c’era una utile mailinglist qui su A/I che si chiamava “Left”; gli iscritti eravamo addirittura contro l’aprirci myspace (preistoria), ognuno di noi, in modo diverso e in realtà diverse, si occupava di musica e dava per scontato che per sconfiggere il mostro SIAE non bisognava iscriversi.

Ok, molti della mailinglist, venivano dal mondo del punk-HC, DIY…io e altri no! Sicuramente ci accomunava una certa visione politica, il frequentare e militare in spazi occupati e il crescente movimento #nosiae che si stava sempre più organizzando in Italia dai primi anni del 2000 (Get up Kids a Napoli per esempio).

Vorrei che qualcuno mi spiegasse perché ho sbagliato, essendo un musicista professionista, non commerciale, ma che fa pure colonne sonore e cose che girano, a non iscrivermi mai alla SIAE. Ho 35 anni, cazzo, fatemi capire.

Io (e molti altri) siamo degli idealisti di merda? Ci piace andare in giro a lamentarci che non ci abbiamo ‘na lira? Vi chiedo realmente di consigliarmi se iscrivermi o meno.

Veramente, il gesto di Basile lo condivido: spiegatemi però come si fa ad essere contro la SIAE, rimanendovi iscritti.

Posted in gli arditi pentiti | Tagged , , , , | 2 Comments

totalmente privi di senso dello stato

totalmente privi di senso dello stato

colpisce questa frase detta dal GIP e riportata dal fatto quotidiano, nei confronti di minorenni di una banda della periferia Milanese.

Paragonati a quei cattivoni di Arancia Meccanica: violenti, razzisti, pieni di odio per i neri, i gay, i fighetti, i figli di papà, tutti quelli che non sono loro…

il GIP del tribunale dei minori di Milano li vuole dentro, accentando la richiesta del PM.

Liberiamoci della feccia, facciamoli cresce in un mondo di merda e dopo sbattiamoli dentro, per farli poi uscire ancora più ignoranti e rancorosi. Del resto ormai, anche la sinistra fatta di gente per bene e politicamente corretta, non tollera episodi di inaudita violenza; saranno ragazzi si, ma non rispettano la legalità…

il senso dello stato, grasse risate! Lo stato che ha fatto di tutto per tenerli ignoranti. In Grecia alcune di queste persone lavorano per alba dorata, sono stipendiati per picchiare e penso che si divertono pure.

Noi anarchici dove siamo? Siamo troppo pochi e spesso troppo impegnati per motivi di lavoro, figli, attività politiche…forse dovremmo smettere di scrivere libri e riviste del cazzo, che tanto ce ve le leggete tra di voi, vi fate i complimenti a vicenda e poi ognuno nel proprio rifugio più o meno incontaminato.

Non vivere più la strada, i baretti; dialogare con loschi figuri improponibili…questo mi manca tantissimo e forse mi sto infhighettendo pure io ma non troppo. I molti di voi compagni che non l’ hanno mai provato, non sanno cosa si sono persi: l’essenza dell’anarchia

a

Posted in compagni | Tagged , , , , , , , , , , , , | Comments Off on totalmente privi di senso dello stato

Tiziano Ferro omaggia veramente Satana

Non capisco ancora perché ci sono preti che passano tempo ad ascoltare all’incontrario brani. Di oggi la notizia che Tiziano Ferro è stato sgamato da un satanista.

Il pezzo in questione si intitola “Indietro” (titolo molto appropriato) e io l’ho mandato alla rovescia. Il verso dice: “No, non rivederti più. Se lontana non sei stata mai”.

è vero! Cioè, se vogliamo sembra veramente che dica: “Grazie Satana. Lui mi tiene libero”

 

GRANDI RISATE!!!

Posted in papi & P(r)ETI | Tagged , , , | Comments Off on Tiziano Ferro omaggia veramente Satana