Il diritto di parola di MIRIAM MAFAI

senti Mafai quanti anni hai novanta, cento?

ne ho piene le balle di queste sgridate alle/agli adolescenti (articolo della mafai), a questi sempreverdi giovani che vanno in giro a rompere e a contestare; si, perchè dalle uova si passa al revolver, dallo spinello alla spada e dalle minchiate si rimane alle minchiate.

state tutti seduti nei vostri salotti a battervi il petto e a parlare di laicità: quella laicità fatta di tolleranza e preti, di pagliacci e pierrot, di uguaglianza a senso unico…e poi cosè questa tolleranza?

siete vecchi dentro e fuori, siete voi che odiate i giovani, siete voi che li avete anestetizzati con le discoteche e le pasticche perchè il potere ve lo volete portare fin dentro la vostra tomba… 

questo è un articolo serio (clicca)

IL CONFORMISTA (G. Gaber) 

Io sono

un uomo nuovo

talmente nuovo che è da tempo che non sono neanche più fascista

sono sensibile e altruista

orientalista

ed in passato sono stato

un po’ sessantottista

da un po’ di tempo ambientalista

qualche anno fa nell’euforia mi son sentito

come un po’ tutti socialista.

Io sono

un uomo nuovo

per carità lo dico in senso letterale sono progressista

al tempo stesso liberista

antirazzista

e sono molto buono

sono animalista

non sono più assistenzialista

ultimamente sono un po’ controcorrente

son federalista.

Il conformista

è uno che di solito sta sempre dalla parte giusta,

il conformista ha tutte le risposte belle chiare dentro la sua testa

è un concentrato di opinioni

che tiene sotto il braccio due o tre quotidiani

e quando ha voglia di pensare pensa per sentito dire

forse da buon opportunista

si adegua senza farci caso e vive nel suo paradiso.

Il conformista

è un uomo a tutto tondo che si muove senza consistenza,

il conformista s’allena a scivolare dentro il mare della maggioranza

è un animale assai comune

che vive di parole da conversazione

di notte sogna e vengon fuori i sogni di altri sognatori

il giorno esplode la sua festa

che è stare in pace con il mondo

e farsi largo galleggiando

il conformista

il conformista.

Io sono

un uomo nuovo

e con le donne c’ho un rapporto straordinario sono femminista

son disponibile e ottimista

europeista

non alzo mai la voce

sono pacifista

ero marxista-leninista

e dopo un po’ non so perché mi son trovato

cattocomunista.

Il conformista

non ha capito bene che rimbalza meglio di un pallone

il conformista aerostato evoluto

che è gonfiato dall’informazione

è il risultato di una specie

che vola sempre a bassa quota in superficie

poi sfiora il mondo con un dito e si sente realizzato,

vive e questo già gli basta

e devo dire che oramai

somiglia molto a tutti noi

il conformista

il conformista.

Io sono

un uomo nuovo

talmente nuovo che si vede a prima vista sono il nuovo conformista. 

This entry was posted in arte NO arte, meglio di no. Bookmark the permalink.

4 Responses to Il diritto di parola di MIRIAM MAFAI

  1. Pingback: Dei mafaismi, delle pratiche. Le donne di Bologna: “Siamo gioiosamente intolleranti!” – Femminismo a Sud

  2. FikaSicula says:

    hai fatto benissimo.
    ma sai che pensavo proprio alla stessa cosa?

    abbi pazienza ma al prossimo mio post sul mafaismo (che pubblico più tardi) sarai stralinkato :)))

  3. nto says:

    ho aggiunto un testo di gaber, mi è venuto di metterlo dopo che ho letto i commenti al tuo post, commenti sconvolgeti da gente che usa le parole d’ordine di oggi: tolleranza, legalità…

  4. FikaSicula says:

    come ti adoro quando dici queste cose :)))***
    bacioni a te e alla tua fantastica famiglia

Comments are closed.