T.Monk imitatore di cantanti famosi secondo ‘D Repubblica’

tutti in fila cantanti di paese, imitatori, pezzotti, musicisti discount…ma Thelonious Monk che cosa c’entra? Dobbiamo spiegargli di chi stanno parlando?

 

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to T.Monk imitatore di cantanti famosi secondo ‘D Repubblica’

  1. arte says:

    e si oggi è festivo, dovevano pure scrivere qualcosa 😉

  2. Jacob says:

    La pagina è dedicata alle copertine brutte dei dischi, e forse Monk non è esteticamente uno spettacolo sulla cover di “Monk’s Moods” per chi è abituato al volto sofferentemente riflessivo dei Duran Duran o alle pose del leaderismo urbano di Jay-Z e della sua accolita.

    Il punto è che “Monk era il classico personaggio che non poteva e non voleva accettare cazzate” [Miles Davis, “Miles. L’autobiografia”]; quindi, come non ce ne siamo curati ieri mentre ascoltavamo/suonavamo “Straight No Chaser”, non stiamo a curarci troppo oggi di queste amenità – in fondo dovranno pur riempire questi giornalini di qualcosa per evitare di parlare di manifestazioni, scioperi e rivolta sociale tout-court.

    Un saluto. Più jazz negli spazi occupati

Comments are closed.