qui dentro casa:Maria Monti,Mario Branco

Una canzone dei primi anni ’70 di José Mario Branco, uno dei maggiori esponenti della cançao de intervençao portoghese; una musica che oggi viene snobbata, perché moscia, senza batteria e frequenze sotto gli 80Hz che spaccano, forse il trucco della musica odierna: i 63 o 67 Hz dal vivo. Ma un grande musicista e un grande testo.

A parte queste pippe tecniche, la grandissima Maria Monti cantò una versione ben tradotta di un pezzo di Branco, “aqui dentro de casa”. Una canzone bellissima, inutile da commentare, cantata da una grande interprete, forse la mia preferita. Il testo non è tradotto letteralmente ma è riadattato molto bene.

Una piccola precisazione:

nel testo originale si parla di Mariuccia che diventa come Marta (Mariazinha fui, em Marta me tornei). Nel testo tradotto Mariuccia diventa Maddalena, la fidanzata ufficiale di Gesù. Mariuccia è invece la sorella di Marta, Maria di Betania, poco conosciuta in Italia ma in voga in Portogallo e Brasile.

Di seguito:

  • il brano di Maria Monti e il testo
  • il brano originale di Mario Branco e il testo originale in portoghese

>http://www.youtube.com/watch?v=CbSWOlV7aQQ

Qui dentro casa (il titolo originale non lo conosco)

RIT.

ero Maddalena e Marta diventai

ora ti parlo io e tu mi ascolterai

tanto tempo fa, duemila anni fa

credevo che l’amor fosse tutto

tu mi insegnasti il bello ed il brutto

e che il mio corpo la vita poteva afferar

i miei occhi chiusi meravigliati e muti

credevan che l’amore eclissasse

perfino il sole e la lotta di classe

e si credevan di viver soltanto per servire te

RIT.

Ora sto in cucina tra pentole e bambini

hai messo le miei mani al lavoro

eri convinto di darmi un tesoro

ma ad una vita più mia non posso pensar

i miei occhi chiusi muti e affaticati

non vedono né versi né prosa

il mio sudore è la tua vita in rosa

questi occhi aperti che cercan la vita e che tu vuoi serrar

RIT.

Tu prendi la mia mano mi parli del padrone

che paga un salario di fame

che ruba anche sui pezzi di pane

ma parli solo a te stesso sfogandoti un po’

i miei occhi assenti muti e affaticati

non possono capir ciò che dici

e frugo dentro ai tuoi occhi infelici

e spero sempre che un giorno tu tenga un comizio per me

RIT.

Sono la tua serva devota e affezionata

a letto in cucina al mercato

ma solo quando ti vedo spogliato

tu mi concedi il diritto di vivere un po’

i miei occhi stanchi restan spalancati

piangendo sopra a questa mia sorte

di far la serva fino alla morte

e piango tutta la notte con gli occhi arrossati per te

RIT.

La tua volontà di giustizia e libertà

non trova posto nella tua casa

la rabbia tu te la tieni rinchiusa

ma la mia rabbia la sento montar dentro me

i miei occhi stanchi vorrebbero vedere

un mondo che sia giusto per tutti

un mondo senza né servi né oppressi

un modo dove se io ti ascolto anche tu ascolti me

RIT.

Ero Maddalena e Marta diventai

ma tutto ciò che fu

non tornerà più mai

Aqui dentro de casa

Foi há tantos anos, foi há dois mil anos
Que vi no amor o meu Cristo
Que me mostraste um amor imprevisto
Que me falaste na pele e no corpo a sorrir

Meus olhos fechados, mudos, espantados
Te ouviram como se apagasses
A luz do dia ou a luta de classes
Meus olhos verdes ceguinhos de todo para te servir

Mariazinha fui, em Marta me tornei
Vou daquilo que fui pr’aquilo que serei

Filhos e cadilhos, panelas e fundilhos
Meteste as minhas mãos à obra
E encontraste momentos de sobra
Para evitar que o meu corpo pensasse na vida

Teus olhos fechados, mudos e cansados
Não viam se verso, se prosa
O meu suor era o teu mar de rosas
Meus olhos verdes, janelas de vida fechados por ti

Mariazinha fui, em Marta me tornei
Vou daquilo que fui pr’aquilo que serei

Pegas-me na mão e falas do patrão
Que te paga um salário de fome
O teu patrão que te rouba o que come
Falas contigo sozinho para desabafar

Meus olhos parados, mudos e cansados
Não podem ouvir o que dizes
E fico à espera que me socializes
Meus olhos verdes
Boneca privada do teu bem estar

Mariazinha fui, em Marta me tornei
Vou daquilo que fui pr’aquilo que serei

Sou tua criada boa e dedicada
Na praça, na casa e na cama
Tu só me vês quando vestes pijama
Mas não me ouves se digo que quero existir

Meus olhos cansados ficam acordados
De noite chorando esta sorte
De ser escrava prá vida e prá morte
Meus olhos verdes
Vermelhos de raiva para te servir

A tua vontade, justiça igualdade
Não chega aqui dentro de casa
Eu só te sirvo para a maré vaza
Mas eu já sinto a minha maré cheia a subir

Meus olhos cansados abrem-se espantados
Prá vida de que me falavas
Pra combater contra os donos de escravas
Meus olhos verdes
Que te vão falar e que tu vais ouvir

Mariazinha fui, em Marta me tornei
Sei aquilo que fui e que jamais serei
Mariazinha fui, em Marta me tornei
Sei aquilo que fui e que jamais serei

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte, Portoghesi and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.