Besciamella,latte di soia o alleggerire la tradizione?

perché questa besciamella? Inoltre se
non ho fatto a meno del burro: perché questa besciamella?

Forse un primo passo per sperimentarla
con l’olio extravergine d’oliva al posto del burro…piano, piano,
senza spingere.

I piatti della cucina italiana, i
piatti saporiti e pesanti, i piatti che se non c’è il burro, il
formaggio, il grasso non ti sanno di niente. I piatti che chi è
vegan non può di certo mangiare, chi è vegan ha la fortuna però di
non utilizzare certi ingredienti a priori.

 

Io invece, barbaramente, blasfemamente,
sto cercando di alleggerire i piatti della tradizione. È una cosa
che fanno anche i più grandi cuochi e chi è innamorato della cucina
lo fa in casa, come me, per i propri cari, per evitargli di ingerire
sempre troppi grassi, latticini e carne…oggi certi grassi sono
inutili, se qualcuno ha già messo da parte lo strutto, adesso
potrebbe toccare anche al burro, perché no?

la soluzione potrebbe essere mangiare
un’intera settimana cose semplici per magari esagerare la domenica a
pranzo; io i fine settimana lavoro, inoltre per noi domenica o
martedì è uguale, magari il martedì sono in casa e mi rilasso in
cucina.

I risultati devo ammettere che non sono
ancora buoni, penso che in gran parte sia anche dovuto dal
“pregiudizio” alimentare che abbiamo. Il fatto che di alcuni
piatti ci ricordiamo la pesantezza che cola, tipica di molte
preparazioni.

La fortuna però vuole che la
tradizione gastronomica italiana è fatta di molti piatti a base di
verdure, come ad esempio dei semplici ma articolati condimenti per la
pasta.

Si può vivere con poche uova, quasi
zero latticini e poca carne? È semplice ma bisogna arricchire il
ricettario…

 

This entry was posted in novelle cugine. Bookmark the permalink.