Lezione di canto.2

vocalizzi e scale. Le scale salgono,
scendono e alle volte si fermano. Spesso non sono nere come il corvo,
ma incrociano dei tastini neri del pianoforte: i famosi “#,b”.

Purtroppo i vocalizzi te li fanno
sempre cominciare su scale maggiori e triadi maggiori, ignorando la
bellezza dei cromatismi e degli intervalli più assurdi. Inoltre già
12 cazzo di note sono troppo poche e ti abituano a cantarne 7
(allora meglio le pentatoniche con 5 che hanno una certa tradizione).

C’è gente con più orecchio, gente con
meno orecchio, gente con l’orecchio allenato, gente con l’orecchio
pigro e pochissima gente con l’orecchio assoluto. C’è gente che
canta a livello professionale, sul palco ti canta le canzoncine senza
problemi, ma appena chiedi di riprodurre il suono di una nota del
pianoforte, ti canta 3 toni e mezzo sotto la nota suonata.

L’intonazione naturale, i canti in
campagna o in viaggio, senza stereo e strumenti invadenti come
l’organetto che, parliamoci chiaro, fa un bordello della madonna.
Voci, voci, voci, tutti quanti a cantare, incroci di cori con
distanze di terze aumentate, ahhhh che bellezza di varietà. Poi uno
per fare il figo deve pensare al Ligeti di odissea nello spazio:
bastano 5 persone ubriache che cantano senza accompagnamento musicale
e nozioni di intonazione “LA440”, sai che spettacolo! (con tutto
il rispetto per Ligeti, anzi credo che sarebbe d’accordo con me).

This entry was posted in lezioni di canto. Bookmark the permalink.