Yoani Sanchez, Sequestri a cuba

«Pensavo che non ne sarei uscita viva. Mi hanno tolto i vestiti, mi hanno messo le gambe verso l’alto e la testa in giù per caricarmi in macchina», ha raccontato. «Con un ginocchio mi facevano forza contro il petto e io gli stringevo i testicoli. Poi mi hanno picchiato in testa»

L’avana, Cuba

Secuestro estilo camorra Secuestro estilo camorra Secuestro estilo camorra Secuestro estilo camorra Secuestro estilo camorra 

 

This entry was posted in arte NO arte, meglio di no. Bookmark the permalink.