Funcia da carrua|Soup Song Robert Wyatt

ITA/ENG

A funcia da carrua (co capuliatu?)

Soup Song è un brano di Robert
Wyatt
del 1974. Questa versione è quella della quarta antologia
di Cantebury (Canterbury Anthology Vol.4).

 

Il testo è mio, una traduzione in
Siciliano simile all’originale

la canzone di Wyatt parla di bacon e di
una zuppa che ti piegherà in due dal dolore; il mio testo di
capuliato* e di funcia di carrua**.

http://noblogs.org/flash/mp3player/mp3player.swf

Antonio Mainenti play:

voice, guitar, knife, cabbage, blender,
washing machine, oil, garlic

*Capuliato= salted and dried tomatoes
with the sun, crushed. Excellent with bread and oregano, oil, salt
and cheese.

**Funcia di carrua= carob tree
mushroom, eat in my area is much appreciated and rare

il testo originale/original lyrics:

Soup Song

There’s a mushroom on my
eyelid,
There’s a carrot down my back,
I can see in the
distance a vast quantity of beans.
To you I’m just a flavour to
make your soup taste nice.
Oh my God! Here come the onions and, I
don’t believe it, at least a pound of rice.

There was a time
when bacon sandwiches
were everyone’s favourite snack.
I’m
delicious when I’m crunchy, even when I’m almost black.
So why you
make a soup with me,
I just can’t understand.
It seems so
bloody tasteless,
not to mention underhand

Now there’s no
hope of getting out of here,
I can feel I’m going soft.
Dirty
waters soak my fibres,
the whole saucepan’s getting hot
So I
may as well resign myself,
make friends with a few peas,
but I
just, I can’t help hoping
that a tummy ache will bring you to your
knees.

Bring you to your knees….

il mio testo/ my lyrics:

A funcia da carrua (co capuliatu?)

C’è na funcia supra a maccia

a mucciai ccu quattru fraschi

O mircatu già ‘ccatai, na borsa cina i
patati.

Nun nu capìti acciù e n’sapuri ro
passatu.

E chi cazzu, ci mettunu i cipuddi, nun
ci criru

macari ‘n cuuppo i pasta.

Na vota pane cunzatu e tumazzu

va bbastava na jurnata.

Sapi bellu cavuru cavuru, cu tanticchia
i capuliatu.

Allura picchi u metti ntà funcia, ca
mi pari na zaurdata.

Vuoi fari u fusion tuttu esoticu,
ammiscari tutti cosi

se mi metti nto pani cunzatu, ci
nzirtasti co sapuri.

Ma ntò sucu ra funcia no, ppì fauri

mmiscatu nto cauraruni.

Ammazzasti n’ sapuri

ora ma fazzu che patati

e u sucu e a funcia, chi schifiu

vuogghiu sulo ca appuoi ta fari mali a
panza

ta fari mali a panza

 

 

in italiano (circa):

C’è un fungo sulla mia palpebra, una
carota dietro me,

posso vedere un po’ più in là una
grande quantità di fagioli. Per voi sono solo un aroma che rende
gradevole il sapore della vostra zuppa.

Oh mio Dio! Arrivano le cipolle e, non
credo che, in una manciata di riso.

C’è stato un tempo quando il panino
con la pancetta era la merenda preferita da tutti. Buonissimo
croccante anche se un po’ bruciacchiato.

Allora perché fai una zuppa con me,
non riesco a capire.

Sembra del sangue disgustoso, per non
essere fuoriluogo

Se tutto va bene non possiamo uscire da
qui, posso sentire la mia reale morbidezza.

Le mie fibre inzuppate in brodaglia,

il tutto nella pentola in caldo

quindi la mia giovinezza è segnata:

faccio amicizia con alcuni piselli, ma
solamente, non posso che sperare in un mal di pancia che vi piegherà
in due

Che vi piegherà in due ….

 

 

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte. Bookmark the permalink.