Bicchieri di plastica obbligatori per le bevande in vetro

così il comune di Santa Croce
Camerina (RG) per tutelare l’ambiente inquina due volte

Ho letto un articolo QUI

Non ci saranno più bottiglie di vetro
rotte in spiaggia o in riva al mare ma dei meno “pericolosi”
bicchieri di plastica. Sappiano benissimo quanto la gente civilmente
butta i rifiuti per terra come la plastica (praticamente non
biodegradabile), sappiamo anche che non esiste un raccoglitore di
differenziata per questo tipo di prodotti per alimenti.

1- L’unica soluzione seria sarebbe
stata un’ordinanza comunale che obbliga i commercianti a vendere
bevande con il “vuoto a rendere” e se non previsto da una data
marca di bevanda o alcolico, creare nei negozi un centro di raccolta.

Vi faccio un esempio: compro a mio
figlio un succo di frutta ACE che costa 1 euro, inizialmente lo pago
2 euro, ritorno al bar o in qualsiasi punto di raccolta, lascio la
bottiglietta e mi verrà rimborsato l’euro.

2- Troppo complicato il primo esempio?
Allora con una spesa lievemente maggiore per i commercianti (magari
aiutati dal Comune), l’obbligo di bicchieri per alimenti in mais:
totalmente biodegradabili. (come questi CLICCA)

 

 

This entry was posted in quello che trovo: ogni figatieddu i musca è sustanzia. Bookmark the permalink.