raccolta differenziata speriamo (piccolo comune campano)

Nel paese dove ci siamo trasferiti in provincia di caserta, hanno avuto un’idea niente male per risolvere (almeno in parte) l’emergenza rifiuti.

sappiamo benissimo che molti comuni campani fanno la raccolta differenziata porta a porta e altre cose da "nord europa"; però, in questa piccola realtà, fin’ora piena di monnezza, penso che qualcosa potrebbe cambiare grazie a questa ordinanza comunale  

da qui ho estratto la notizia: 

Visto l’articolo 50 del d.lgs. n.
267/2000, dispone: Gli operatori dei pubblici esercizi, delle attività
commerciali ed artigianali conferiranno, nei modi già stabiliti, con
effetto immediato e con mezzi propri, i rifiuti in maniera
differenziata: carta e cartone, plastica, vetro, alluminio, banda
stagnata, polistiroli ed ingombranti, legno presso l’isola ecologica di
via Caduti sul Lavoro in orario di apertura 8-14 dal lunedì al sabato.
Il personale dell’isola ecologia rilascerà agli esercenti succitati
ricevuta del materiale conferito dandone comunicazione anche a questo
Ente al fine di verificare l’esatta e puntuale ottemperanza della
presente, applicandosi in caso di inosservanza la chiusura
dell’esercizio pubblico, commerciale ed artigianale, da uno a dieci
giorni. Dispone inoltre: gli Agenti della Forza Pubblica e la Polizia
Municipale nell’ambito delle rispettive competenze, sono incaricati
dell’esecuzione della presente Ordinanza, notificata all’interessato
nelle forme prescritte. Il sindaco

Nell’articolo del blog cittadino (il link in alto) si parla dei commercianti scontenti. ricordo che in tutti i paesi da nord a sud dove ho vissuto, i commercianti sono sempre scontenti: una volta per la zona pedonale, un’altra per i parcheggi a pagamento, una volta perchè non possono abbandonare i loro scatoloni dove vogliono.

questo mi fa pensare che le dimissioni di bassolino non servirebbero a niente: arriverebbe un altro losco figuro che farebbe esattamente quello che lui ha fatto, come molte persone a cui viene consegnato il potere.

la maggior parte dei campani non vuole discarica o termovalorizzatore sotto casa sua (ma un po’ più in là), l’idea di puntare sulla raccolta differenziata, a mio avviso, è troppo avanguardistica in queste terre. l’ignoranza è una brutta bestia che vive in tutto il mondo, l’ignoranza non discrimina il sud o il nord o il centro: quella attecchisce dove le televisioni sono accese tutto il giorno, dove puoi comprare con il "3X2", dove puoi scambiarti le suonerie del telefonino col bluetooth.

grazie all’ignoranza i politicanti fanno quel che vogliono, grazie alla vostra fiduciosa delega; grazie ai politicanti nascono i capopopolo come grillo o l’ormai in discesa guzzanti.

vi lascio con un link sul grillo nazionale… nell’articolo si racconta di come grillo abbia un suo ruolo in società, della sua non indipendenza: insomma è un lavoratore dipendente come molti di noi! però gioca a fare masaniello.

This entry was posted in gli arditi pentiti. Bookmark the permalink.