la chiesetta di san bartolomeo

la chiesetta di san bartolomeo, sconsacrata e assegnata ad alcuni
giovani. degli altri si fanno avanti e il posto inizia a diventare
"pericoloso". così arrivano le voci di uno sgombero, ma adesso c’è
parecchia gente e il posto autogestito è praticamente occupato…



Questo video è del 2003. E’
stato il mio primo montaggio, in occasione delle “voci” in giro
per Ragusa, riguardo allo sgombero della Ex Chiesetta; in pratica la
diocesi, proprietaria dell’immobile, voleva indietro lo spazio.                                                                                                                            Un gruppo di persone molto diverse tra
loro organizzavano attività politiche e culturali in questo
bellissimo posto: l’unica chiesa precedente al terremoto del 1693
rimasta in piedi nella zona.                                                                                                                                                                Ci facevamo il culo, solamente per
portare l’amplificazione bisognava fare parecchie scale che, la notte
al ritorno, erano tutte in salita; il tasso alcolico e cannabinoico per la salita,
non ci aiutava molto ma eravamo molto conetenti della riuscita delle manifestazioni.                                                                                                                                                                                                                           Io, in quel periodo facevo il militante
di professione e l’artista per passione, sviluppando tutte le mie
cose dentro quel covo.

Questo spazio mi sa che adesso è
inutilizzato, abbiamo avuto molti problemi che in primis hanno fatto
allontanare noi anarchici che poi ci siamo allontanati dagli
anarchici e ci siamo divisi in giro per l’Italia. Il video è
interessante, è una sorta di documentario su anni di attività
svolte che vanno al di là degli scazzi politico-personali che,
ovviamente, non sto qui a raccontarvi.

 


Creative Commons License


Questo/a
opera è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons.
This entry was posted in gli arditi pentiti. Bookmark the permalink.