Scacce®: ricetta tradizionale

Le scacce della provincia di Ragusa
sono un rustico che viene fatto in modo diverso da famiglia a
famiglia e da paese a paese. Non si mangiano in occasioni particolari
come, ad esempio le impanate a Pasqua, si usa farle durante occasioni
conviviali, quando magari si è in tanti o si va in gita.

Il simbolo ®, messo a “presa per
il culo”, l'ho usato perché qualche simpatico mio compaesano
potrebbe registrarsi il marchio: un marchio lungo centinaia di anni
che appartiene a migliaia di gente…però sarebbe impossibile,
anche se so di un liquore tradizionale della zona di Altamura in
Puglia, vicino la Basilicata, chiamato “padre Peppe”, che alcuni
baristi si sono fottuti depositando il nome e la ricetta (si
giustificano dicendo che l'ha inventato proprio padre Peppe e loro
sono gli eredi).

Vabbè, lasciamo perdere e
iniziamo con la preparazione delle Scacce che si possono fare in
tanti modi con gusti fantasiosissimi (ad esempio a Scicli ne fanno
una con le seppie), io ne illustro tre tipi riveduti a modo mio:
quella con le melanzane (comoda anche per vegetariani), quella con i
cavolfiori (comoda, almeno credo, pure per i vegan) e quella con
ricotta e salsiccia…

IMPASTO (per un chilo di farina):

grammi 600 di farina di grano duro

grammi 400 di farina 00

1 cubetto di lievito

un pizzico di sale

un pizzico di bicarbonato

mezzo bicchiere di olio extra vergine
d'oliva.

con melanzane CONDIMENTO:

melanzane, pomodoro, caciocavallo
ragusano grattugiato (va bene, ma non troppo, il parmigiano),
basilico, origano, olio extra vergine, sale, (io vivo a Caserta)
provola ad acqua a cubetti, pan grattato tostato.

Le melanzane vanno affetate e messe sotto sale, poi fritte. Cuocete un sugo saporito, tostate con olio e aglio il pan grattato e miscelate tutti gli ingredienti. 

con cavolfiori:

cavolfiori, olio extra vergine d'oliva,
sale, pomodoro secco a pezzetti, capperi (potreste aggiungere uvetta
o alici).

il cavolfiore (cioè il cavolo bianco) va bollito e salato, poi si mischia col resto. 

con ricotta e salsiccia:

ricotta, salsiccia, sale, caciocavallo
ragusano grattugiato, cipolla finissimamente tritata, prezzemolo.

La salsiccia si mette senza budello e cruda…un consiglio è mettere sotto sale la cipolla, lavarla e tagliarla. 

non ho descritto totalmente la ricetta perchè dalle immagini si capisce bene come riprodurla; potete berci un buon rosso come un Cerasuolo di Vittoria o, da queste parti come ho fatto io, un Pallagrello; anche la birra va benissimo. Per qualsiasi cosa contattatem: arteCHIOCCIOLAautistici.org

 

 

 

This entry was posted in novelle cugine. Bookmark the permalink.