(PT)la cultura è roba da poco

 piccola premessa.

In Portogallo mi sono trasferito nell’estate del 2008. Subito dopo, in tutto l’Occidente, si cominciò a parlare di crisi ed io mi trovavo in questo bel paese nel confine d’Europa per lavorare con un’associazione artistica che campava col finanziamento pubblico. In Portogallo per una associazione era molto facile ricevere denaro pubblico da parte del Ministero della Cultura, penso dipendesse da quel complesso nei confronti dell’Europa che conta, per dimostrare quanto l’arte (anche la più sperimentale) e la cultura fossero importanti nella terra di Pessoa e José Afonso. Fino al 2008 si finanziavano i progetti più innovativi, decine di artisti sonori, video-artisti, performers, passavano qualche mese in qualche residenza per artisti Lusitana.

Forse è dipeso anche dalla geografia del paese, piccolo e poco popolato se non nelle due grandi città: immensi spazi dove non incontravi nessuno da una parte e un interminabile oceano dall’altra. Paese giovane e non molto ricco dove non c’è praticamente un’industria del cinema, dove anche i film stranieri non si doppiano. Grazie a questi fattori le piccole produzioni artistiche volavano alto, realizzando cose improponibili nella vecchia Europa che conta.

Da qui

Azione di protesta “la cultura è roba da poco” contro le sedi EDP(=enel) e BPN(banca nazionale)

Un gruppo di attivisti ha passato la notte ad affiggere manifesti nelle sedi EDP e BPN. Si dichiarano “stufi della mancanza di rispetto, dell’umiliazione, dell’aggressività e del disprezzo per la Cultura.”

EDP eBPN. Sono questi i destinatari della protesta “la cultura è roba da poco” che oggi all’alba ha lasciato il segno in varie sedi di Lisbona, Porto, Coimbra e Faro.

consegnati alla banca BPN 40 anni di cultura

L’obiettivo? Dimostrare ai portoghesi quali sono state le scelte politiche negli ultimi anni e che cosa significano per il settore culturale”. Nel comunicato inviato alla rivista culturale P3 si possono leggere le dichiarazioni dei promotori dell’iniziativa che si dichiarano “stufi della mancanza di rispetto, dell’umiliazione, dell’aggressività e del disprezzo per la Cultura.”

“Consegnati al BPN 40 anni di Cultura”, “consegnato ai nuovi proprietari dell’EDP un anno di Cultura”, “sprecati 11 anni di sovvenzioni alla Cultura in fucili”, “consegnati a Lusoponte (ditta di costruzioni) 5 anni di sovvenzioni alla creatività”. Queste sono alcune delle frasi incollate sulle vetrine di alcune sedi dell’EDP e BPN da un gruppo anonimo che pretende rivendicare la mancanza di investimenti nel settore culturale.

consegnati all'impresa privata gruppo Mello 8 anni di finanziamenti alla creazione artistica

“L’inevitabilità dei tagli è stata e continua ad essere una politica deliberata e consistente da parte dello Stato che interrompe quella che è la missione di garantire l’accesso e la fruizione culturale dei propri cittadini”, spiega il gruppo in una denuncia senza peli sulla lingua. “Oggi siamo arrivati ad una situazione in cui i finanziamenti alla cultura hanno smesso di essere un investimento per diventare una ‘perdita’, con connotazioni quasi criminose e politicamente indifendibili”, proseguono, mettendo in chiaro che il principale obiettivo è “quello di sostituire il dibattito pubblico sulla cultura”.

Questa retrocessione ha collocato l’arte e la creatività ad essere presa di mira da attacchi gratuiti e ha distrutto in pratica la già fragile legittimità sociale che i lavoratori della cultura aveva costruito da dopo la rivoluzione del 25 aprile 1974 in poi. Abbiamo perso la nozione di cultura come fonte di conoscenza e sviluppo. E per questo che è necessario chiarire a cosa realmente corrisponde il ‘mostro’ della cultura: nel 2012 appena lo 0,1% dei finanziamenti dello Stato sono andati al settore culturale, significa che c’è stata una riduzione nominale del 75% dall’anno 2000”.

ha consegnato al nuovo proprietario dell'EDP (=enel) un anno di cultura

L’idea che la Cultura è una spesa enorme, dichiarano gli attivisti, “non ha alcuna pertinenza”. “É ridicolo che la Cultura stia subendo tagli sproporzionati per finanziare banche avvelenate e partnership (…)

 

il sito ufficiale

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte, Portoghesi and tagged . Bookmark the permalink.

1 Response to (PT)la cultura è roba da poco

  1. Pingback: Bank off Art on | EXPOST

Comments are closed.