riflessioni sull’accordo LA

Si diventa vecchi, si cresce, si assimila….l’esperienza, la vita vissuta, la riflessione…

alcuni fattori musicali e compositivi, credo si acquisiscano con l’età. Per esempio, occuparsi di improvvisazione a vent’anni è diverso che farlo a trenta o cinquanta; questo non significa che si fa meglio da vecchi, anzi, lo scambio tra generazioni è una grande ricchezza e chi lo ignora è un vecchio presuntuoso.

Tutto ciò per dire cosa? Non riesco a spiegarmi se quelle sensazioni che si provano nella propria mente musicale, vengano recepite in modo così radicale con il passare degli anni. Se un semplice LA che passa da maggiore a minore, può essere recepito come qualcosa di ricco e completo.

Ovviamente dipende dall’intensità del come un semplice accordo viene suonato, dagli altri fattori musicali in gioco come la dinamica, il tempo, etc.

Il silenzio e i respiri.

Sembra che con il passare degli anni, questi due fattori diventino sempre più importanti; il silenzio è sempre più rumoroso, la musica sta a sentire. I respiri sono sicuri, misurati, da vero maestro yoga.

I sempre giovani o meglio: quelli che non vogliono crescere.

Non ho mai sopportato lo speed-metal, power-metal, insomma quei chitarristi con soli terribilmente e inutilmente veloci. Una mia personalissima opinione è che Joe Satriani è una merda, invece Steve Vai è fantastico. Il perché lo lascio decidere a voi, ma vorrei farvi un esempio:

penso che nella testa di un chitarrista come Yngwie Malmsteen, passino pensieri segaioli; credo che quando il tipo parte con uno dei suoi famosi soli stagionati, ha proprio la testa di un adolescente davanti ad un porno che fa esperienza con la sua umida e appiccicaticcia manina.

Viceversa, un chitarrista come Marc Ribot, non ha bisogno di strafare con le note: respira, si ferma, cambia ritmo….magari non si nasconde dietro la distorsione.

Qualcuno penserà che sono due stili agli antipodi, ma non vorrei apparire razzista, dicendo che l’essere umano si evolve anche nel suonare uno strumento.

Avete mai sentito parlare di come si cambiano abitudini nel far sesso con l’esperienza e l’età? O chitarristi segaioli, riprendetevi!

This entry was posted in arte E rivolta: gli arditi dell'arte and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.