Risotto con gamberi al Pastis

Il Pastis è un famosissimo liquore all'anice e liquirizia che si usa come aperitivo diluito con acqua e ghiaccio; in Francia esiste anche il Pernoud (il distillato di Finocchio dei “fiori blu” di Queneau), in Grecia l'ouzo, in Libano l'arac (quello che preferisco), in Turchia il raki, etc.

Qualsiasi di questi distillati (di anice o semi di finocchio) vi trovate a casa andrà benissimo per la nostra ricetta. Andrà benissimo anche un comune distillato d'anice come il napoletano “topolino”, l'importante non usare Sambuca o altri liquori a base di zucchero: se non li avete, scendete al bar sotto casa e compratevene un bicchierino.

leggiti la ricetta…  per quattro persone:

riso tipo Carnaroli (circa 320 g), gamberi( 500g), un bicchierino di liquore all'anice, un pizzico di zafferano, noce di burro, aglio, cipolla, sale. Per il brodo: cipolla, patata, carota, sedano.

Preliminari

Sgusciate i gamberi, lavateli e mettete da parte le carcasse Preparate un brodo con quello che avete tipo sedano, patate, carote, cipolla e le carcasse dei gamberi, salate e appena pronto filtratelo.

La scelta del riso

Vi consiglio di usare il riso bianco per questa ricetta, un Carnaroli perché ha i chicchi molto grossi; cercate questo riso nei negozi tipo Bio, vabbè sono radical-chic ma lì il riso bianco Carnaroli biologico costa meno del supermercato. Non consiglio un riso integrale perché ha un sapore molto forte per questo tipo di preparazione, comunque chi lo usa sa che si cucina in tutt'altro modo.

Condimento

Preparate un soffritto di aglio, aggiungete i gamberi, dopo una rosolatina versate un bicchierino del vostro liquore, tutto qui: fate evaporare e spegnete il fuoco.

Risotto

Potreste anche fare un soffritto di cipolla, aggiungete a rosolare il riso e poi iniziate a versare il brodo fino a quando il riso non sarà pronto, in ultimo aggiungete un pizzico di zafferano. Mescolate il condimento con il risotto allo zafferano, aggiungendo una noce di burro per mantecare, lasciate riposare qualche minuto ed è pronto.

NB potete anche evitare di cuocere a parte il riso versandolo nella padella del condimento.

This entry was posted in novelle cugine. Bookmark the permalink.